In this new post I will talk about my new computers, about the creation of my new video, and about the fact that "Il blog di Antonio Daniele" ceases of using Twitter as social media.

In questo nuovo post parlerò dei miei nuovi computer, della creazione del mio nuovo video, e del fatto che "Il blog di Antonio Daniele" smette di utilizzare Twitter come media sociale.

Welcome the new computers, new video in production and goodbye Twitter

Greetings readers.
It is time for another update.
While so many of you might not care about this, I will talk about my new "machines", just for blogging.

The people who follow me for a long time, know that my machines were a Compaq Presario CQ60-103EL and a Samsung Galaxy Tab 2 10.1 3G model.
The latter one was bought 3 or 4 years ago, mainly for University stuff.

After the Compaq Presario's screen broke in March 2nd 2016, I used it for another whole year, until March 2017.
In that time, I don't exactly remember when, I bought the Presario's spiritual successor, an Asus F555DG-XO075T.

with these specs:

Memory: 8 GB, expandable to 12 GB;
Processor: AMD APU A10-8700P quadcore clocked at 1.8 Ghz;
Dedicated graphics adapter: AMD Radeon R6 M340DX, 2 GB of memory dedicated to it;
Hard disk: Standard one with 1000 GB (1 TB) of space;
Connectivity: Bluetooth 4.0, Ethernet, Wireless;
Ports: Card reader slot, one USB 2.0 port, two USB 3.0 ports, HDMI, VGA.
Operating system: Windows 10 Home

For me, the only weak point is the operating system, too much "mobile like" for a "desktop" operating system.
Honestly, I can't believe people (and by people, I also mean developers) are getting used to these changes.
What about the idiocy of the updates? The user can't decide which updates to apply, with the result, that from update to update, things may break for no apparent reason, I know something about this.
Who does Microsoft think it is? The Big Brother?

Well, you guessed it, I hate it, but as I've done long ago with the Compaq Presario, I'll wait for the laptop's warranty to expire, after that, I will install something else for sure.

Around that same time, I decided to update the Galaxy Tab too, since I started noticing its limits, due to it being based on Android.
At a certain point I felt this operating system a bit too... how can I say... mobile?

Yes, I know, I'm hearing you saying something like:

Oh really? Guess what Antonio, Android IS a MOBILE operating system!
You know what? You are to computer science as much as a literature student is to science.

What I mean is that, you can do non-average user stuff on those machines, only if one of these two conditions are met:

  1. Other people discovered a way to perform the non-average user feature
  2. You make it possible to perform the non-average user feature

I found myself in the second situation in the Wacom digitizer post, but just because these things were already possible in general, it's not like I invented how to do it, I only had to make Android recognize this specific digitizer.
I am (still) not capable, in general, to make non-average user features on my own.

As long as I continued to explore the possibilities, I felt the need of a mobile device with a full desktop operating system, with all the pros and cons (and no, the Android chroot method is too limited).

In the end, I decided to completely avoid Android and in general, things that are based on it.
I got interest for the so-said 2-in-1 computers, basically, hybrid computers, which perform as a tablet, and as a computer.
Some of these are based on Android, others on Windows 10, and the latter ones seem to have more chances to run desktop systems, since they are more similar to actual computers.
Currently though, systems like GNU/Linux do not support them fully, rather, there are huge compatibility problems, but since I always wait for the warranty to expire, I thought that maybe with time, things will change.

At first I decided to buy a 2-in-1 from another brand (non-Asus), just to differentiate, but, the only one that I liked and that was available from a local store, was the Asus Transformer Mini T102HA-GR045T.

These are the specs:

Memory: 4 GB
Processor: Intel Atom x5-Z8350 (Cherry trail) quadcore clocked at 1.44 GHz;
Dedicated graphics adapter: Intel HD Graphics; 
Hard disk: eMMC with 128 GB of space;
Connectivity: Bluetooth 4.0, Wireless;
Ports: Card reader slot, one USB 3.0 port, 1 micro USB port, mini HDMI;
Operating system: Windows 10 Home

The fact I owned two Asuses arose the problem of distinguish them during a speech, so I decided to give them some nicknames.
For those who don't know, I studied foreign languages during high school (in reality, you could say that I studied literature).
Strangely, the fact that I owned two computers with the same brand, but with different sizes, made me think of those as "father" and "son".
They reminded me of two Latin authors, Pliny "the elder" and Pliny "the younger", except that those were uncle and nephew respectively.
Well, I liked the idea, so, when referring to the laptop I say "Asus the elder", when I refer to the 2-in-1 I say "Asus the younger", I know, it may sound stupid, but who cares.

In June/July 2017, I started assembling a desktop computer with cheap pieces.
The purpose of this was to learn how to do it.
In the near future, I will assemble a computer with expensive pieces, so I wanted to be prepared, since I never assembled computers before then.
The result of this assembly is this desktop computer:

For this one I used the following (important) pieces

Motherboard: MSI A68HM Grenade;
Memory: 4 GB;
Processor: AMD A6 6400K Black edition dualcore clocked at 3.2 Ghz (3.9 Ghz maximum) dualcore;
Dedicated graphics adapter: Radeon HD 8470D;
Graphics card: AMD Radeon R5 230 (with 2 GB of memory);
Connectivity: Ethernet, Wireless (not at first);
Ports: four USB 2.0 ports, two USB 3.0 ports, VGA, HDMI, DVI;

Even though this computer was not Asus branded, I got to like giving names based on Latin authors.
In the end, the nickname I gave was "MSI the rhetor", "MSI" since it is the motherboard's brand, and "rhetor" refers to Seneca "the rhetor" (actually, in English, I've seen "Seneca the rhetorician", I don't know which one is the correct term though, and honestly, I don't really care).
Seneca "the rhetor" is also known as Seneca "the elder", father of the more famous Seneca "the younger", preceptor of the Roman emperor Nero.

I installed Debian 9 and Windows 7 on this computer, with some difficulties since this was my first time dealing with the UEFI "bios" and the GPT partitioning scheme.

By the way, since I'm talking about the "rhetor", I want to make a "micro tutorial" in relation to Debian 9 and the MSI motherboard.

  1. The Ethernet card is not recognized at first, and if you have no other way to access the Internet, it can be annoying.
    From another computer download the driver from this address:
    Move it to Debian 9 by using a usb drive, and then, be sure you are root, and use the command:
    dpkg -i PATH_TO_DEB_FILE
    where PATH_TO_DEB_FILE is the file path.
    After that, reboot, and you should be able to use the Ethernet card.
  2. The lm-sensors package (a set of tools used to display the components temperatures) isn't capable of showing all the parameters of the A68HM Grenade motherboard.
    When using the "sensor-detect" program, not all the sensors are found.
    This is because the A68HM Grenade motherboard mounts the Fintek F71868AD I/O controller, which apparently, Linux doesn't have a driver for it.
    In reality, by reading this helpful page (you may need a translation service since the page is in Russian), we figure that another very similar chip's driver can be used with it, so all we want to do, is to follow the suggestions of the mentioned link, that is:
    First make a file called "f71882fg.conf" in /etc/modules-load.d with the following content:
    f71882fg
    After that, make another file called "f71882fg.conf", this time in /etc/modprobe.d, with the following content:
    options f71882fg force_id=0x1007
    Reboot, after the login, all the temperatures should be seen!

End of the micro tutorial, I hope you enjoyed it.

Well, I told you a small part of my history for this year.
As mentioned in the title, there's a new video in production, the protagonists of this will be the "2006 iMac" I own, and MSI "the rhetor".
In the last week of August, I decided to take a break from my studies, so I filmed a tutorial, a pretty long tutorial actually, and sooner or later, you're going to see it.
The first version of the tutorial is complete, but I won't publish it until I complete the second version.
There are in fact two versions of this, which they differ in relation to...
I won't say it, it's something you'll discover after the publication.

One last news for you, "Il blog di Antonio Daniele" will cease to use the Twitter social media.
The main reason is that I don't use it as I use the other ones, but other than that, I discovered in time that "micro blogging" is not suitable for me.
From my activities' perspective, it is not suitable since I need more than... how many are those? 250 characters? Well, I need more than that to talk about something properly.
Anyway, the people that are currently subscribed to the Twitter page, and want to continue following me, they can do that with Facebook or Google+.
I will keep the account until September 30th, basically, at midnight of October 1st, the Twitter account will be removed.

Well, stay tuned for the video, and greetings to everybody.
See you in the next post.

Go back to the top, Share, Look at the comments or Comment yourself!

Date il benvenuto ai nuovi computer, nuovo video in produzione e addio Twitter

Salute ai lettori.
è il momento di un nuovo aggiornamento.
Anche se a molti di voi potrebbe non importare nulla, parlerò delle mie nuove "macchine", come atto di blogging.

Coloro che mi seguono da molto, sapranno che le mie macchine sono state il Compaq Presario CQ60-103EL e un Samsung Galaxy Tab 2 10.1 modello 3G.
Quest'ultimo l'ho comprato 3-4 anni fa, principalmente per l'università.

Dopo che lo schermo del Compaq Presario si è rotto il 2 marzo 2016, l'ho utilizzato per un altro anno, fino al marzo 2017.
A quel tempo, non ricordo esattamente quando, ho comprato il successore spirituale del Presario, un Asus F555DG-XO075T.

con queste caratteristiche:

Memoria: 8 GB, espandibile fino a 12 GB;
Processor: AMD APU A10-8700P quadcore con clock impostato a 1.8 Ghz;
Adattatore grafico dedicato: AMD Radeon R6 M340DX, 2 GB di memoria dedicata ad esso;
Disco fisso: Uno normale con 1000 GB (1 TB) di spazio;
Connettività: Bluetooth 4.0, Ethernet, Wireless;
Porte: Lettore di schede, una porta USB 2.0, due porte USB 3.0, HDMI, VGA.
Sistema operativo: Windows 10 Home

Per me, l'unico punto debole è il sistema operativo, troppo "stile dispositivo mobile" per essere un sistema operativo da "computer".
Onestamente, non riesco a credere che le persone (e per persone, intendo anche gli sviluppatori) si stiano abituando a questi cambiamenti.
L'idiozia inerente gli aggiornamenti? L'utente non può decidere quali applicare, col meraviglioso risultato che alcune cose smetteno di funzionare da un giorno all'altro, e senza un apparente motivo, ne so qualcosa al riguardo.
Chi si crede di essere Microsoft? Il grande fratello?

Beh, l'avrete immaginato, lo odio, però come ho già fatto ai tempi col Compaq Presario, aspetterò che scada la garanzia, dopodichè, installerò sicuramente qualcos'altro.

Nello stesso periodo, ho anche deciso di aggiornare il Galaxy Tab, poiché ho cominciato a notarne i limiti, dovuti al fatto che esso è basato su Android.
Ad un certo punto ho sentito questo sistema operativo un po' troppo... come posso dire... da dispositivo mobile?

Sì, lo so, vi sento già dire una cosa del genere:

Ma va'? Indovina Antonio, Android è un sistema operativo per dispositivi MOBILI!
Sai cosa? Tu stai all'informatica come uno studente di letteratura sta alla scienza.

Quel che intendo dire è che, in quelle macchine è possibile fare cose da utente non comune solo se si verifica una di queste due condizioni:

  1. Altre persone hanno scoperto come effettuare la funzionalità da utente non comune
  2. Tu rendi possibile il poter usare la funzionalità da utente non comune

Mi son trovato io stesso nella seconda situazione nel post sulla tavoletta grafica Wacom, ma solo perchè questa cosa era già possibile in generale, non ho inventato io il metodo per farlo, ho soltanto fatto in modo che Android riconoscesse questa specifica tavoletta.
Io non sono (ancora) capace, in generale, di creare funzioni da utente non comune da solo.

Continuando ad esplorare le possibilità, ho sentito il bisogno di un dispositivo mobile con un sistema operativo completo da computer, con tutti i pro e i contro del caso (e no, il metodo chroot con Android è troppo limitato).

Alla fine, ho deciso di evitare completamente Android e in generale, tutto ciò che è basato su di esso.
Ho iniziato ad interessarmi ai cosiddetti computer 2-in-1, nella pratica, sono computer ibridi che fungono sia da tablet che da computer.
Alcuni di questi sono basati su Android, altri su Windows 10, e questi ultimi paiono avere più probabilità di eseguire sistemi da computer, poiché sono molto più simili ai computer comuni.
Attualmente però, i sistemi come GNU/Linux non li supportano pienamente, anzi, ci sono enormi problemi di compatibilità, ma poiché io aspetto sempre la scadenza della garanzia, ho pensato che magari, col tempo, la situazione possa cambiare.

All'inizio ho deciso di comprare un 2-in-1 di un'altra marca (quindi non Asus), giusto per differenziare, ma, l'unico che mi è piaciuto e che era disponibile in un negozio dove vivo io, era l'Asus Transformer Mini T102HA-GR045T.

Queste sono le specifiche:

Memoria: 4 GB
Processore: Intel Atom x5-Z8350 (Cherry trail) quadcore con clock impostato a 1.44 GHz;
Adattatore grafico dedicato: Intel HD Graphics; 
Disco fisso: eMMC con 128 GB di spazio;
Connettività: Bluetooth 4.0, Wireless;
Porte: Lettore di schede, una porta USB 3.0, una porta micro USB, mini HDMI;
Sistema operativo: Windows 10 Home

Il fatto di possedere due Asus ha introdotto il problema di distinguerli durante un discorso, quindi ho deciso di dar loro dei nomignoli.
Per coloro che non lo sanno, ho studiato lingue straniere durante le scuole superiori (in realtà, si potrebbe dire che ho studiato letteratura).
Stranamente, il fatto di avere due computer con la stessa marca, ma di diverse dimensioni, mi ha fatto pensare ad essi come a "padre" e "figlio".
Mi han fatto ricordare di due autori latini, Plinio "il vecchio" e Plinio "il giovane", anche se, questi due erano rispettivamente zio e nipote.
Beh, l'idea mi è piaciuta, è così, quando mi riferisco al portatile dico "Asus il vecchio", quando mi riferisco al 2-in-1 dico "Asus il giovane", lo so, potrà parer stupido, ma non mi interessa.

In giugno/luglio 2017, ho iniziato ad assemblare un computer con pezzi economici.
Lo scopo di ciò era imparare come si facesse.
Prossimamente assemblerò un computer con pezzi costosi, perciò volevo essere preparato, poiché non avevo mai assemblato computer prima di allora.
Il risultato di questo assemblaggio è questo computer qui:

Qui ho utilizzato i seguenti pezzi (importanti):

Scheda madre: MSI A68HM Grenade;
Memoria: 4 GB;
Processore: AMD A6 6400K Black edition dualcore impostata a 3.2 Ghz (3.9 Ghz al massimo);
Adattatore grafico dedicato: Radeon HD 8470D;
Scheda grafica: AMD Radeon R5 230 (con 2 GB di memoria);
Connettività: Ethernet, Wireless (non dall'inizio);
Porte: quattro porte USB 2.0, due porte USB 3.0, VGA, HDMI, DVI;

Anche se questo computer non aveva il marchio Asus, ho preso gusto nel dare nomi in base agli autori latini.
Alla fine, ho optato per "MSI il retore", "MSI" poiché è la marca della scheda madre, e "retore" si riferisce a Seneca "il retore".
Seneca "il retore" è anche conosciuto come Seneca "il vecchio", padre del ben più famoso Seneca "il giovane", precettore dell'imperatore romano Nerone.

Ho installato Debian 9 e Windows 7 su questo computer, con un po' di difficoltà poiché per me era la prima volta che mi occuppavo del "bios" UEFI e dello schema di partizionamento GPT.

Comunque, visto che sto parlando del "retore", voglio fare un "micro tutorial" inerente Debian 9 e la scheda madre MSI.

  1. La scheda Ethernet non viene riconosciuta all'inizio, e se non avete altro modo di accedere ad Internet, può essere seccante.
    Da un altro computer scaricate il driver da questo indirizzo:
    Spostatelo in Debian 9 usando una pennetta usb, e poi, assicuratevi di essere l'utente root, ed usate il comando:
    dpkg -i PERCORSO_FILE_DEB
    dove PERCORSO_FILE_DEB è il percorso al file.
    Dopodichè, riavviate, a questo punto dovreste riuscire ad utilizzare la scheda Ethernet.
  2. Il pacchetto lm-sensors (un insieme di programmi utilizzato per mostrare le temperature dei componenti) non è in grado di mostrare tutti i parametri della scheda madre A68HM Grenade.
    Quando viene eseguito il programma "sensor-detect", non tutti i sensori vengono rilevati.
    Questo accade perché la scheda madre A68HM Grenade monta il controllore input/output Fintek F71868AD che apparentemente, non ha driver su Linux.
    In realtà, leggendo questa utile pagina (potreste aver bisogno di un servizio di traduzione poiché la pagina è scritta in russo), capiamo che possiamo usare il driver di un altro chip molto simile, quindi quel che dobbiamo fare, è seguire i suggerimenti dell'indirizzo menzionato, cioè:
    Prima create un file chiamato "f71882fg.conf" in /etc/modules-load.d col contenuto seguente:
    f71882fg
    Dopodichè, create un altro file chiamato "f71882fg.conf" stavolta in /etc/modprobe.d, col contenuto seguente:
    options f71882fg force_id=0x1007
    Riavviate, e dopo il login, dovreste vedere tutte le temperature!

Fine del micro tutorial, spero vi sia piaciuto.

Beh, vi ho detto una piccola parte della mia storia di quest'anno.
Come menzionato nel titolo, c'è un nuovo video in produzione, i protagonisti di tale video saranno "l'iMac del 2006" che possiedo, e MSI "il retore".
Nell'ultima settima di Agosto, ho deciso di mettere pausa ai miei studi, così ho filmato un tutorial, un tutorial piuttosto lungo a dire il vero, e presto o tardi, lo vedrete.
La prima versione del tutorial è completata, ma non la pubblicherò finché non completerò la seconda versione.
Ci sono infatti due versioni, che differiscono tra loro per...
Non lo dico, lo scoprirete dopo la pubblicazione.

Un'ultima notizia per voi, "Il blog di Antonio Daniele" smetterà di utilizzare il media sociale Twitter.
La ragione principale è dovuta al fatto che non lo uso al pari degli altri, ma oltre a ciò, ho scoperto nel tempo che il "micro blogging" non è adatto a me.
Dalla prospettiva delle mie attività, non è adatto perché ho bisogno di più di ... quanti sono quelli? 250 caratteri? Beh, ho bisogno di più di tale cifra per parlare di qualcosa in maniera corretta.
Comunque, le persone che sono attualmente iscritte alla pagina di Twitter, e vogliono continuare a seguirmi, possono farlo tramite Facebook e Google+.
Manterrò l'account fino al 30 settembre, a mezzanotte del primo ottobre esso verrà eliminato.

Bene, rimanete sintonizzati per il video, saluti a tutti.
Ci si vede nel prossimo post.

Torna in cima, Condividi, Guarda i commenti o Commenta tu stesso!